Sorridere fa sorridere

sorridere

Sorridere richiede uno sforzo fisico minimo, eppure poche volte durante la giornata, sorridiamo.

“Stirare leggermente  la bocca, volgere gli angoli delle labbra verso le orecchie e accennare ad un sorriso”.

Questa è la procedura per eseguire un sorriso.

Durante la pratica Yoga, invito spesso le persone a sorridere, chiedo loro di donare questo sorriso a chi hanno di fronte .
Specialmente nelle Asana che richiedono sforzo e tenacia, proprio in quel momento, chiedo ai miei  compagni di accennare ad un sorriso per loro stessi e per le persone con cui stanno condividendo la pratica.

Sembra banale questa cosa, quasi fanciullesca, eppure vi assicuro che un semplice sorriso, è capace di illuminare lo sguardo e il cuore. 
Un sorriso cambia il tuo stato mentale e una tecnica molto semplice per vivere meglio, è quella di abituarsi a sorridere.

SORRIDERE FA SORRIDERE:  ad uno stato emotivo corrisponde un’espressione del corpo e del nostro viso.
Quindi se lo stato emotivo influisce sulla postura del corpo e sul viso, lavorando sul corpo e sulle espressioni del viso, possiamo modificare le nostre emozioni.


Ci sono molteplici ragioni fisiologiche per invitarvi a sorridere:

  1. Sorridere rilassa il corpo in modo automatico.
  2. Modificare l’espressione del viso, modifica il tuo stato emotivo.
  3. Sorridere attiva una precisa area del nostro cervello collegata al centro della felicità che crea un “pensiero positivo”.
  4. Il nostro cervello interpreta come reale anche un sorriso indotto e questo  stimola la produzione delle molecole della felicità che sono in grado di stabilizzare  il nostro sistema ormonale e rafforzare quello immunitario.
  5. Il sorriso è contagioso.

Put on a happy face – Indossa una faccia felice
(Proverbio anglosassone)

L’effetto del sorriso sulla tua parte emotiva è potente. Sfruttalo!

 

Related posts:

3 thoughts on “Sorridere fa sorridere

  1. Pingback: Sorridere fa sorridere | Yoga Che Danza | Scoo...

  2. Pingback: Una favola per educare al sorriso

  3. Pingback: ÂSANA: più lento vai, più strada fai

Leave a Reply