Un regalo speciale: un mandala

 

– Da Anita, a Claudia –

Secondo i buddhisti un mandala rappresenta,  in modo stilizzato, l’essenza del mondo che ci circonda, il processo mediante il quale l’Universo  si è creato partendo da un proprio centro.

Creare un mandala permette di esprimere quello che senti senza l’uso di parole, ti consente di trarre spunto dalla tua interiorità creativa; è una sorta di percorso per scoprire nuovi stimoli  e spezzare atteggiamenti dettati da tutti i nostri schemi mentali che ci frenano.

Creare un mandala aiuta a liberarsi da quegli schemi, per assaporare la libertà del proprio sentire.

A livello energetico,  il mandala  è un “catalizzatore”  perchè attiva quello che la persona che lo crea, è pronta a vivere e a condividere. Innesca una sorta di “energia intelligente” che agisce là dove serve: stimolare una trasformazione, liberare, rivelare, aiutare traendone sostegno, modificare il nostro approccio, conoscere esplorando il “proprio centro”, esorcizzare paure…

Carl Gustav Jung, psicologo, psichiatra e storico tedesco, studiò approfonditamente  le benefiche potenzialità dei mandala e  il suo uso psicologico ed educativo.

Una mamma, allieva del corso a Montorso, mi ha fatto un regalo meraviglioso: mi ha portato due mandala, uno disegnato da lei e un altro da Anita, la sua bambina.
E’ stato bellissimo.

Grazie Anita e Grazie Patrizia! Conserverò i vostri mandala, con cura.

mandala 2 mandala

Related posts:

One thought on “Un regalo speciale: un mandala

  1. Pingback: Un regalo speciale: un mandala | Yoga Che Danza...

Leave a Reply