L’importanza della musica nella pratica: Aria sulla quarta corda

La musica è esperienza, è evocazione, edifica lo spirito, conforta e sostiene.
La musica sonda il mistero del nostro sentire e lo rivela, se gliene diamo la possibilità.
La musica è amica e compagna di vita perchè la musica è intorno, è dentro, è ovunque, anche nel silenzio.

« La musica è una delle vie per le quali l’anima ritorna al cielo »
(Torquato Tasso)

La musica è uno strumento potente per metterci in contatto con la nostra interiorità, è un mezzo per raggiungere la nostra vera essenza.
Con la musica, possiamo arrivare ad armonizzare corpo, mente, spirito.

Sto preparando la lezione Yoga di domani a Montorso e scegliendo le musiche per la pratica.

Solitamente combino brani con stili diversi che possono anche discostarsi dal repertorio tradizionale di musiche per lo Yoga e, durante gli intervalli tra le Asana, mi piace concedere momenti di intensità profonda scegliendo crescendi musicali voluti, che accompagnino l’osservazione del proprio respiro, la quiete della  mente e l’ascolto del corpo dopo una posizione.

Domani tra i pezzi,  ho scelto anche un brano di musica classica,  “Aria sulla Quarta corda”.  La trascrizione per violino e pianoforte di August Wilhelm del brano originario di Bach, è caratterizzato da una musicalità che esprime equilibrio nella combinazione dei due opposti  (Do – Sol).

musica vortice di emozioni

– Aria sulla quarta corda –
Johann Sebastian Bach

fonte: it.hdclassicalmusic.com

Sarà interessante sperimentare queste combinazioni e, ascoltando, far emergere la bellezza che è custodita in ognuno di noi.

Related posts:

One thought on “L’importanza della musica nella pratica: Aria sulla quarta corda

  1. Pingback: L'importanza della musica nella pratica: Aria s...

Leave a Reply